Giro di boa: si riparte da Reggio

MOTTA DI LIVENZA – La sconfitta contro Brescia, in quella che probabilmente è stata la peggiore performance stagionale, ha messo in archivio un girone d’andata che non ha regalato molte gioie al popolo biancoverde, ma che allo stesso tempo non ha tolto le speranze legate comunque ad un girone di ritorno tutto da giocare con tanti punti ancora in palio e una salvezza lontana forse, ma ancora raggiungibile. “C’è un momento bellissimo dopo la delusione, quel momento in cui hai una voglia matta di ricominciare, partendo da se stessi”. Questo deve essere il life motive del girone di ritorno che ricomincerà nel giorno di Santo Stefano contro la CONAD Reggio Emilia.

La formazione guidata da Luca “bazooka” Cantagalli, dopo la sconfitta contro Vibo nel recupero della nona giornata (persa 3 a 0 ma con parziali tutt’altro che scontati), occupa l’undicesimo posto in classifica a quota 17 punti. L’andata giocata alla Kioene Arena di Padova finì in favore dei reggiani che la spuntarono però solo al tie-break. L’HRKdopo la brutta sconfitta contro Brescia rimane ultima del girone a 5 punti consapevole che nel girone di ritorno bisognerà fare qualcosa in più, anzi molto di più, se si vorrà provare a raggiungere la salvezza, quella salvezza che ad oggi per i biancoverde varrebbe quanto uno scudetto.

Coach Cantagalli dovrebbe far scendere in campo i suoi con Sperotto al palleggio e Cantagalli D. di contromano, Perotto e Mariano schiacciatori, Suraci e Volpe centrali e Cantagalli M. libero. Milo Zanardo, che dovrà rinunciare a Schiro per un infortunio subito in allenamento, si affiderà con ogni probabilità ad Acquarone a dirigere il traffico e Kordas opposto, Mattheus e Pol in banda, Acuti al centro in coppia con Trillini e capitan Battista libero.

Direttori di gara Fabio Bassan e Simone Cavicchi.

Siamo al giro di boa, tutto quello che si è visto e fatto fino a qui deve essere lasciato alle spalle, dagli errori si può e si deve imparare e bisogna farlo da subito. C’è ancora tempo per cambiare la rotta, ma non moltissimo. “Nessuno può tornare indietro e ricominciare da capo, ma chiunque può andare avanti e decidere il finale”.

Appuntamento al Giulio Bisi di Reggio Lunedì 26 dicembre ore 18.00.

Ufficio Stampa -Giuliano Bonadio – press@pallavolomotta.com